La città di Termessos sorge lungo le pendici del Monte Gulluk (posto a circa 30 km da Antalya, con un’altezza pari a 1.265 m), nel Parco Nazionale di Gulluk, sito che racchiude bellezze dalla straordinaria suggestività, grazie anche ai canyon, abitati da camosci e aquile.

MURA.

Le mura erano poste a difesa della cittàò di Termessos, con dieci torri poste a controllo dell’intera città che, espandendosi, aveva necessità di avere maggiori possibilità di difendersi.

VIA DEI RE

La via o strada dei re venne edificata con le donazioni della popolazione della città, gesto ancora oggi commemorato da un’iscrizione a ricordo delle persone che parteciparono a questa raccolta, con il relativo ammontare.

CISTERNA E ACQUEDOTTO

La città era provvista di una cisterna adibita alla raccolta delle acque della città e che era strutturata con tre diverse e distinte entrate-

PROPILON DI ADRIANO E TEMPIO

La struttura era dedicata all’imperatore romano Adriano e si connotava per avere un’altezza pari a 4.25 m, oltre ad un numero indefinito di ampi scaloni che ne conferivano un aspetto maestoso e regale. Lo stile è quello tipico corinzio.

PALESTRA

La palestra è senza dubbio uno degli edifici meglio conservati dell’interp sito archeologico di Termessos. Situata all’interno del perimetro delineato dalle mura cittadine nell’area orientale della via dei re, si strutturava per una serie di stanze con ampi ingressi colonnati e cortili centrali di particolare vastità. Il cortile posto al centro aveva dimensioni pari a 50 m di lunghezza e 8 di larghezza, mentre l’edificio aveva lunghezza di 91 m e una larghezza di circa 15 m. Il muro frontale era decorato con archi e nicchie, composto principalmente da enormi blocchi di pietra e ancora oggi ben conservato. Lungo il lato est della palestra erano presenti delle sale dedicate al ristoro fisico degli atleti al termine dei loro consueti e giornalieri allenamenti.

AGORA

L’agora, naturalmente, era il luogo di maggiore rilevanza dell’intera città, che, non solo era adibita a luogo di ritrovo della popolazione, il centro più fervente dell’intera cittadina, ma era anche un luogo di particolare interesse per una struttura presente al di sotto dei lastroni di pietra che ne caratterizzavano la pavimentazione, si trattava, infatti di una gigantesca cisterna che era suddivisa in cinque sezioni, presumibilment adibite a custodire il preziosissimo olio di oliva.

MAUSOLEO

Il mausoleo venne scavato nella roccia viva, nel lato sud occidentale dell’agora. Si connotava per la presenza di una serie di nicchie che ospitavano statue di rara bellezza, probabilmente riconducibili a offerte votive, necessarie per richiedere un intervento divino. Ancora oggi non è conosciuto l’autore di questo capolavoro architettonico.

TEATRO.

Il teatro è il più bell’edificio di Termessos, con una capacità di 4.200 spettatori ed edificato in stile ellenico, con una forma semicircolare, un diametro di 33 m e un’altezza di 13 m. Era prsente anche una galleria coperta all’ampiezza pari a circa 2.5 m. Il palco venne eretto durante il regno dell’imperatore Augusto, naturalmente seguendo le linee tipiche dell’architettura romana e con una dimensione di 30 m di lunghezza per 5.5 m di larghezza. Erano presenti cinque uscite dedicate all’orchestra, giustamente, considerata punto d’eccellenza per ogni spettacolo, ma, dette porte spesso vennero utilizzate anche quali ingresso nell’arena degli animali, durante i combattimenti con i gladiatori.

Anche in questo caso, le decorazioni erano principalmente caratterizzate da colonne e statue finemente decorate.

termessos (3) termessos (2) termessos (1)

Photos: Sarah Murray – Chris Walsh
(Visited 134 times, 1 visits today)
1