La città di Perge sorgeva a circa 15 km dal mare nella piana alluvionale, creata dal fiume Aksu e a 18 km da Antalya.

Perge o Perga fu la capitale della regione della Panfilia, corrispondente all’attuale provincia di Antalia sulla costa sud occidentale del Paese.

Nel XII secolo a.C., in seguito ad una grande ondata migratoria greca si costituì nell’attiale regione di Antalya, una terra di tutte le tribù, che vide, in seguito, l’emergere di quattro città particolarmente importanti, ovvero Perga, Sillyon, Aspendos e Side.

La fondazione di Perga avvenne nel 1000 a.C., a circa 20 km dall’area costiera, al fine di garantire una maggiore sicurezza della città, evitando, così le orde di pirati che erano molto attive nella zona mediterranea.

Nel 546 a.C. la popolazione persiana achemenide sconfiggendo le potenze locali, conquistò l’intera regione, per poi cadere, nel 333 a.C. nelle mani di Alessandro Magno. A questo seguì quello dei seleucidi, epoca alla quale risale anche l’opera del più rinomato cittadino della città, il matematico Apollonio, allievo di Archimede e autore di otto manuali che affrontavano temi quali le sezioni coniche, il cerchio, l’ellisse, la parabola e l’iperbole.

L’influenza romana ebbe inizio nel 188 a.C. e le rovine oggi visibili sono, per gran parte risalenti a questo periodo. Con la caduta dell’impero romano, Perga continuò ad essere abitata fino al periodo selgiuchide, per poi essere progressivamente abbandonata.

Attualmente Perga è un sito archeologico e meta di grande rilievo turistico, anche grazie alle sue rovine che si articolano in un teatro, una palestra, un tempio di Artemide e due Chiese.

La particolarità che caratterizza la cittadina è la considerazione secondo la quale ivi si effettuò la prima produzione della birra, anche se detta ipotesi venne ben presto confutata, essendo, la birra, una bevanda già conosciuta sin dal periodo egizio.

Perga è molto legata anche alla figura di San Paolo Apostolo e San Barnaba, i quali predicarono la parola prima di recarsi nei pressi dell’attuale Antalya.

La città rimase la sede del Vescovo Cattolico.

TEATRO

Il teatro venne eretto prima del periodo romano, in stile greco-romano, anche se i successivi interventi di restauro ne hanno modificato l’originaria architettura.

La capienza del teatro era pari a 15.000 spettatori, che facevano ingresso nella struttura attraverso un passaggio ad archi. Il teatro era costruito a più piani e con decorazioni caratterizzate da cinque nicchie che ospitavano delle statue.

Parte delle mura sono oggi ospitate dal Museo Archeologico di Antalya.

STADIO

Lo stadio di Perge è uno di quelli meglio conservati, tanto da concederci un meraviglioso viaggio nell’antichità. Era adibito ad ospitare 12.000 persone. Attualmente è sede di una serie di negozi e botteghe artigiane, ognuna delle quali riporta il nome dell’attività che ivi si svolge.

VIA DELLE COLONNE

La città di Perge presenta due strade principali colonnate, la prima parte dalla porta sud e si estende vero l’acropoli, l’altra interseca la prima strada, in direzione est-ovest.

Le strade sono decorate da mosaici, mentre ai lati sono presnti delle statue,, oltre ad esservi due canali idrici coperti.

PALESTRA

La palestra era dedicata all’attività sportiva e ad altre attività. Le sue dimensioni erano pari a 76 m per 76 m, articolate su due piani. La pianta dell’edificio era quadrata ed era un edificio molto rinomato e apprezzato.

BASILICA

Perge ha due basiliche, una è posta accanto all’agora e si caratterizza per un atrio frontale a base quadrata, di 27 m per lato. La basilica ha due colonnati che dividono l’edificio in tre sezioni.

L’altra è posta a sud e ha due navate, una primaria e una secondaria.

 

SELGE.

Selge è situata lungo le pendici della valle che è posta nel mezzo delle montagne Toros, scenario mozzafiato che sovrasta la regione di Antalya. Particolarmente conosciuta e meta di numerose escursioni per essere il luogo nel quale cultura e natura si incontrano e camminano mano nella mano conducendo il turista lungo un percorso indimenticabile.

MURA

La città era attorniata da mura imponenti che coprivano una distanza di circa 3,5 km, con delle torri poste a distanza di circa 100 m l’una dall’altra, ma, purtroppo, solamente quelle poste nell’area sud occidentale sono ancota oggi presenti e visibili.

TEATRO

Il teatro di Selge è posto nelle dirette adiacenze del villaggio, aveva una capacità di 10.000 spettatori e si caratterizzava per una parte alta, destinata ad ospitare il pubblico, che venne completamente costruita, mentre la parte bassa venne ricavata mediante una meticolosa opera di scavo della collina. La sua forma era semicircolare, proprio come voleva lo stile ellenistico, mentre il palcoscenico era edificato in tipico stile romano.

STADIO

Lo stadio era posto nell’area sud occidentale del teatro e aveva la possibilità di ospitare circa 5.000 spettatori, grazie anche alle sue dimensioni di 180 m per 28 m.

TEMPLI DI ZEUS E ARTEMIDE

Erano posti sulla collina lungo il lato occidentale della città. Di entrambi sono presenti solo alcune rovine che, certamente non sono una testimonianza che possa rendere giustizia all’antico splendore di questi due edifici.

CISTERNA

La cisterna era situata sulla stessa collina ove sorgevano i templi di Zeus e Artemide, lungo il lato occidentale della città. Aveva un diametro di circa 21 m e una profondità pari a 7,5 m. Costuita per la raccolta delle acque piovane e per la successiva canalizzazione delle stesse nella città. Sulla collina sono ancora attualmente visibili delle rovine appartenenti all’acquedotto.

AGORA

L’agora era posta nella collina meridionale e aveva una pianta quadrata con una dimensione di 45 m per lato. Nei pressi dell’agora sorgeva anche una chiesa.

perge perge

Photo – Orçun Edipoğlu
(Visited 202 times, 1 visits today)
1