Il Monte Nemrut – Il Nemrut Dağı è un importante montagna della Turchia (dichiarata nel 1987 patrimonio mondiale dall’UNESCO), che appartiene al gruppo del Tauro orientale e con la sua altezza pari a 150 metri, è il monte più elevato dell’area settentrionale. La sommità di questa conformazione naturale ospita la tomba santuario del re Antioco I di Commagene, scoperta grazie all’incessante opera di recupero storico archeologico della American School of Oriental Researches sotto la direzione di Theresa Goell nel 1953 e composta da un tumulo di pietra sminuzzata e dalle dimensioni notevoli, avendo un diametro pari a 150 metri e un’altezza di circa 50 metri. La base comprende tre terrazze, quella nord, quella ovest e quella est, oltre ad una serie di statue, purtroppo molto danneggiate a causa dell’intervento degli agenti atmosferici.

La terrazza nord era il vero e proprio fulcro destinato alla raccolta dei pellegrini che ivi si recavano dalle strade poste sui fianchi della montagna, oltre a statue dalle impressionanti dimensioni e replicanti un leone e un’aquila, purtroppo ad oggi non più visibili, se non solo parzialmente, essendo quest’area quella maggiormente rovinata.

La terrazza ovest ospita cinque statue colossali prive di testa, replicanti personaggi in posizione seduta e dall’altezza pari a 9 metri e ai loro piedi sono state posizionate le teste raffiguranti Antioco I, la dea Tyche, Zeus-Oromasde (padre degli dei per la cultura greca e romana), Apollo, Mithra, Helios, Ermes, Eracle, Artagnes, Marte, il tutto racchiuso e quasi protetto da due statue di animali, il leone e l’aquila, simboleggianti la dinastia di Commagene.

Di particolare rilievo è anche la presenza di una lastra che riproduce il leone astrale, un vero e proprio antico oroscopo del mondo, la cui interpretazione e datazione ha coinvolto numerosi storici, ma non ha mai trovato un’unanime opinione, seppure molti concordino nel datarla intorno al 6 luglio del 61, 62 a.C., anno della salita al trono di Antioco I.

La terrazza est presenta, anch’essa, delle statue acefale assimilabili a quelle della terrazza occidentale, anche se con posizione diversa. Troviamo poi una scalinata monumentale che porta agli altari, due scalinare laterali, oltre ad una serie di statue che rappresentano personaggi seduti, ma le cui teste sono realmente in pessime condizioni.

Nelle immediate vicinanze (a 10 km da Kahta) di questo sito archeologico troviamo il tumulo di Karakus Tepesi, dedicato al re Mitridate II di Commagene, alla madre Isias, alla figlia e alla nipote, del quale ancora restano 18 colonne di altezza pari a 10 metri e sormontate da un’aquila romana bicefala.

Nemrut

Nemrut

Photo – Mr Hicks46 & Charlie Phillips &
reibai
(Visited 238 times, 1 visits today)
1