La moschea Selimiye o Selimiye Camii è un edificio di chiara epoca ottomana, situata nella città di Edirne, edificata per volere del dultano Selim II e realizzata dall’architetto Mimar Sinan tra il 1568 e il 1574.

La bellissima moschea si trova ubicata nel centro di un complesso, il tipico külliye, una struttura che si articolava in un ospedale, una madrassa, una biblioteca, un hammam e una serie di edifici adibiti alle attività commerciali. Naaturalmente erano presenti anche bagni turchi, ospizi e cucine per i poveri. La struttura presenta un complesso di otto pilastri e quattro semi cupole angolari, ma la vera meraviglia è la cupola centrale che con il suo profilo sferico raggiunge i 31,25 metri di diametro. A corollario di tutta questo trionfo di bellezza architettonica vi sono altresì quattro minareti che svettano altissimi ai lati della struttura, mentre nella zona antistante è presente un ampio piazzale rettangolare dalle dimensioni notevoli, raggiungendo una superficie pari a quella della moschea.

La particolarità che connota questo edificio di culto e lo rende unico è l’intento, realizzato da Sinan, di rendere il mirhab visibile da qualsivoglia posizione interna dela moschea.

Una vicenda storica che mise in pericolo le meraviglie di questo edificio fu l’assedio bulgaro di Edirne nel 1913, durante il quale la cupola della moschea venne colpita dall’artiglieria, ma, grazie alla solidità e robustezza della stessa, i danni furono minimali ma, per ordine del presidente Atatürk non venne mai riparata, appunto per lanciare un monito alle generazioni future, circa l’importanza e l’essenzialità delle testimonianze storiche.

Photo – Peanut99

 

(Visited 203 times, 1 visits today)
2