Hierapolis, anche denominata Ierapoli o Gerapoli, è una località di tradizione ellenistico-romana della regione della Frigia. Si tratta di uno dei siti archeologici e naturalistici maggiormente frequentati del Mediterraneo, grazie anche alle numerose attrazioni turistiche costituite da formazioni calcaree con calde acque termali, immerse nel patrimonio architettonico della cittadina, rappresentati da un teatro romano ancora in buone condizioni, un’ampia necropoli e il martyrion dell’Apostolo Filippo.

Le attività di scavo che si sono susseguite nel corso degli anni hanno consentito di avere un quadro dettagliato circa l’impianto urbano della città, che presentava un asse principale e un reticolo stradale ortogonale, che divideva la città in isolati regolari allungati.

Tra il I e il III secolo l’assetto monumentale mutò e si aprì il periodo di costruzione di molti monumenti tra i quali l’Agorà Commerciale, la Porta di Frontino e il meraviglioso Teatro. Purtroppo, però, con il terremoto del IV secolo molte di queste testimonianze storiche subirono danneggiamenti molti ingenti. Con l’avvento della dominazione bizantina nel IV secolo, parte della città venne esclusa dal perimetro urbano e molte aree di rilievo culturale vennero ridotte a mere cave di materiale da costruzione. In questo periodo Hierapolis divenne centro della Cristianità, tanto che venne costruita una chiesa, una cattedrale con il battistero, una basilica a pilastri e il martyrion di San Filippo Apostolo. A seguito di un terremoto nel VI secolo un altro avvenimento sismico provocò il crollo di gran parte degli edifici.

Attualmente Hierapolis ospita ancora numerose vestigia tra le quali il Tempio di Apollo, sito accanto ad un plutonio, una cavità lastricata dove si liberano vapori altamente tossici ed una fontanella. Sono presenti anche delle terme, ideali per godersi una pausa rilassante nella acque a 35 gradi. Troviamo anche il Teatro che si articola in 46 file che possono ospitare 7.000 spettatori, mentre in antichità ne potevano accogliere ben 10.000. La via principale ha una lunghezza pari ad 1 km ed è colonnata con due porte di accesso ed un’arcata dedicata a Domiziano. A nord è visibile una Necropoli sede di numerose tombe.

Photo – Carole Raddato
(Visited 195 times, 1 visits today)
0