Fethiye è una città centro dell’omonimo distretto che si caratterizza per essere una stazione turistica particolarmente frequentata durante la stagione estiva.

La città sorge sull’antica Telmesso che, nel corso del VIII secolo mutò il nome in Anastasiopoli, per celebrare l’imperatore bizantino Anastasio II. Nel 1284 cadde sotto la dominazione turca e prese il nome di Makri, nel 1424 venne inglobata nell’impero ottomano.

Con il 1924 avvenne lo scambio di popolazioni tra Grecia e Turchia, in seguito al Trattato di Losanna del 1923, in ossequio al quale gli abitanti di origine greca si dislocarono a Nea Makri nell’Attica, a circa 25 km da Atene. La città turca, allora assunse il nome di Fethiye a ricordo del capitano Fethi Bey, uno dei primi aviatori turchi, deceduto nel Golan, nel febbraio del 1914, a causa di un incidente aereo.

Si tratta di un vero e proprio tesoro del Paese, immerso in una natura dai colori arcobaleno e caratterizzato dalla presenza di un buon commercio di prodotti ittici e dalle coltivazioni di pomodori dal profumo inebriante.

Certamente la città offre anche la possibilità di visitare siti archeologici di tutto rispetto, primo dei quali l’anfiteatro romano e tombe rupestri, testimonianza di una civiltà alquanto antica.

Oludeniz

Photo – Christine McIntosh &
Shardalow
(Visited 150 times, 1 visits today)
2